piometra cane

La piometra

La piometra è una patologia ostetrica che colpisce cagne e gatte in fase diestrale (45-60 giorni dopo l’inizio del calore). I dati presenti in letteratura indicano che la maggior incidenza di questa patologia si ha in animali in età adulta. La patologia è causata dall’aumento del progesterone circolante, ma sembra anche collegata all’ iperplasia endometriale cistica ed a una infezione batterica uterina (prevalentemente E.coli) concomitante. La causa più comune di piometra nelle cagne giovani è la somministrazione iatrogena di estrogeni, eseguita generalmente per prevenire la gravidanza dopo l’accoppiamento o per sopprimere o prevenire il calore.

La piometra: Sintomi
I sintomi della piometra sono diversi: inappetenza, apatia ed abbattimento. In un secondo momento l’animale manifesta poliuria e polidipsia, ossia un aumento del fabbisogno d’acqua, seguito da un incremento (in frequenza e quantità) della minzione. Altri sintomi clinici di frequente riscontro sono febbre, talvolta scolo vulvare di colore rosato in quanto costituito da sangue e pus, vomito e diarrea. Nel caso in sui la piometra sia chiusa, la patologia è molto più grave, manca lo scolo vulvare, e l’intervento medico deve essere più tempestivo possibile.

La piometra: Diagnosi
La diagnosi di certezza è ecografica, preceduta da un esame clinico accurato. Di supporto sono sicuramente gli esami di laboratorio.

La piometra: Terapia
Dopo la diagnosi di certezza è necessario iniziare una terapia di supporto per stabilizzare il paziente (fluidoterapia e farmaci antipiretici/antibiotici secondo il parere del medico veterinario). La terapia è chirurgica (ovario isterectomia) o, in cagne di alto valore riproduttivo, si utilizza la terapia medica (aglepristone).
Se non intende utilizzare una cagna per la riproduzione, la cosa migliore è la sterilizzazione chirurgica, invece dell’utilizzo di pericolose sostanze per sopprimere i calori.

2 commenti
  1. Buongiorno Dottore, la mia cagnetta Maya è stata sterilizzata 3 anni fa tramite intervento di ovariectomia. Quindi, potrebbe comunque essere colpita da piometra?

    Rispondi
    1. Buongiorno Signora Carla. Dopo intervento di ovariectomia (correttamente eseguito) ritengo sia impossibile la comparsa di piometra. La saluto cordialmente.

      Rispondi
Scrivi un commento